domenica 24 aprile 2016

Non tutti i bastardi sono di Vienna di Andrea Molesini

image_bookNon tutti i bastardi sono di Vienna
Di Andrea Molesini
Editore: Sellerio (La memoria, 829)
Numero di pagine:363
Isbn-10: 8838925003 | Isbn-13: 9788838925009 | Data di pubblicazione: 01/01/2010

 

Mi è piaciuto?

Sono indecisa se questo libro mi sia piaciuto o meno. Non posso dire che sia una brutta storia, né che lo stile in cui è scritto sia scarsamente apprezzabile, tuttavia non l’ho certo divorato, forse perché è pure lunghetto… i libri della Sellerio sembrano piccini, ma la scrittura è fitta fitta. Forse seppur si tratti di un buon romanzo mi è mancato ciò che attualmente cerco maggiormente nei libri che leggo, ovvero l’universalità dei concetti espressi. Sì, ci sono un paio di frasi che mi hanno colpita per la loro significanza, ma nel complesso non mi sono sentita coinvolta più di tanto. Credo che il problema fondamentale di questo libro sia la diluizione, se i concetti buoni e le frasi interessanti fossero state più concentrate forse l’effetto d’insieme sarebbe stato migliore. Rimane comunque una discreta lettura che potrebbe risultare un’ottima traccia per un film sulla grande guerra con un punto di vista alternativo.

Citazioni:

Ho avuto paura della verità…quando dici la verità perdi gli amici, perdi ogni cosa. La verità fa male, perchè c’inchioda alla terra. E la terra è proprio il posto che tutti vogliamo evitare.

La paura della fame era in lui anche più forte della fame.

Niente sangue, solo un buco. Da un buco così piccolo – pensai – era uscita una vita intera: gli affanni dei genitori, il bisdticciare dei fratelli, gli animali del cortile, la prima notte d’amore, la prima volta che, bambino, aveva detto “io”. Tutto andato chissà dove, per sempre.

Tutto si paga, e quel che è donato si paga ancora di più.


Archiviato in:LE MIE RECENSIONI Tagged: molesini

from WordPress http://ift.tt/1SFCkz4
via IFTTT

Posta un commento